Mobilità docenti: vanno rifatte tutte le operazioni e riparati tutti gli errori

Mobilità docenti, una matassa intricata e difficile da sciogliere. È sempre più fondamentale rifare le operazioni e adeguare l’algoritmo. La Uil rivendica trasparenza, uniformità e velocità sulle procedure di conciliazione per evitare che il rimedio sia peggiore del danno. Gli errori vanno tutti sanati”. A dichiararlo è Silvia Somigli, Segretario territoriale della Uil Scuola Viterbo.

Il 17 agosto 2016 – prosegue la Somigli – dietro esplicita richiesta delle organizzazioni rappresentative del comparto scuola, si è tenuta, presso il MIUR, una informativa sindacale sulle procedure e sulla gestione dei tentativi di conciliazione per la mobilità dei docenti, sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo. Per la Uil Scuola ha partecipato Mauro Panzieri. La richiesta si è resa necessaria alla luce delle segnalazioni delle strutture territoriali in relazione alle difformità di comportamento degli Uffici periferici del Ministero. I rappresentanti del MIUR, presenti con il vicecapo di Gabinetto, dott. Pinneri, con il capo Dipartimento Istruzione, dott.ssa De Pasquale e il dott. Bonelli per la Direzione Generale del Personale scolastico, hanno informato le organizzazioni sindacali che è stato costituito un gruppo di lavoro che si occuperà della raccolta dei dati e di gestire e coordinare le conciliazioni con gli USR. Pur non avendo un piano d’azione definito per la difficoltà di una quantificazione esatta del livello del contenzioso, è intenzione dell’amministrazione soddisfare le ragioni dei ricorrenti, ma limitando gli interventi. Hanno confermato che rimarranno di competenza degli USR tutte le richieste di conciliazione per errori da correggere entro il livello regionale, mentre le conciliazioni interregionali verranno gestite dal MIUR”. Continua la lettura di Mobilità docenti: vanno rifatte tutte le operazioni e riparati tutti gli errori

LA VITA DI UN DOCENTE NON VALE UN ALGORITMO…

La vita di un docente non vale un algoritmo. La situazione dei trasferimenti e gli errori commessi hanno trasformato i docenti in veri e propri ‘deportati’ dal Sistema ‘Algoritmo’. Un’estate da dimenticare  che ha coinvolto centinaia di docenti nella mobilità nazionale”. A dichiararlo è Silvia Somigli, Segretario territoriale della Uil Scuola Viterbo. Continua la lettura di LA VITA DI UN DOCENTE NON VALE UN ALGORITMO…

TURI, LETTERA APERTA AL SOTTOSEGRETARIO FARAONE. E SE LA VERITA’ DELLA SCUOLA FOSSE UN’ALTRA?

La legge sulla scuola, anche ad agosto, mese mediaticamente particolare, è riuscita ad alimentare le polemiche. Proprio nel periodo in cui si effettuano le azioni propedeutiche all’avvio del nuovo anno scolastico, quando si incrociano la vita dei lavoratori per effetto di una legge mai metabolizzata e profondamente avversata non solo dal mondo scolastico, ma anche da larga parte del Paese. Legge divisiva quella della “buona scuola”, che continua ad animare un dibattito tra fautori e oppositori, in una sorta di acceso match che coinvolge politici, opinionisti e giornalisti.
Alcuni di questi, con l’arma della comunicazione “estrema”, sono arrivati addirittura all’offesa dei docenti meridionali (trattati come minus), denigrati e messi in ridicolo nel miserevole tentativo di lucrare un po’ di consenso all’esterno della scuola. Continua la lettura di TURI, LETTERA APERTA AL SOTTOSEGRETARIO FARAONE. E SE LA VERITA’ DELLA SCUOLA FOSSE UN’ALTRA?